Indici di leggibilità del testo per ottimizzare il tuo sito

La facilità di lettura del testo sul tuo sito è un fattore determinante per la user experience e può fare la differenza tra un sito che non “funziona” ed uno di successo.

La leggibilità riguarda non solo le caratteristiche tipografiche del testo, che deve avere dimensione e forma adeguate (in inglese, la legibility), ma anche alle caratteristiche delle parole, frasi e paragrafi, che dovrebbero essere semplici da riconoscere alla lettura (in inglese, la readibility).

Volendo ottimizzare la readibility del sito, come puoi valutare oggettivamente i tuoi testi in modo oggettivo?

Continua a leggere

7 trucchi SEO per Twitter

Con il suo miliardo e più di visite al mese, Twitter è uno strumento molto interessante per le aziende che vogliano compiere attività di branding e lead generation.

Eccovi alcuni semplici consigli per aiutarvi ad usarlo meglio:

Continua a leggere

Vulnerabilità critica Magento richiede aggiornamento immediato

Grazie al lavoro del team di ricerca di Sucuri, è stata scoperta una falla di sicurezza critica nella popolare piattaforma di e-commerce Magento. E’ disponibile l’aggiornamento multiplo SUPEE-7405 che “tappa” oltre 20 falle che mettono il sito a rischio di cadere sotto il controllo dei cyber-criminali in grado di sfruttarle.

Continua a leggere

Non solo Like: sono in arrivo le Facebook “Reactions”

A detta del CPO (Chief Product Officer) di Facebook, Chris Cox, presto gli utenti di facebook potranno superare il limite del tasto “Like” ed esprimersi in un click con un’emoji. Sulla piattaforma di Zuckerberg sono in beta test da inizio Ottobre 2015 le “Reactions” e arriverano presto anche in Italia. Le Reaction sono un’estensione del pulsante Like, con cui poter esprimere amore, allegria, soddisfazione, stupore, tristezza o rabbia. Si potrà inviare una sola reaction, come già avveniva per il “like”. Per esempio, non si potrà inviare un like + amore, ma si dovrà scegliere fra uno dei due.

Continua a leggere

Sicurezza server: una minaccia al veleno

Dopo heartbleed è stata resa pubblica una nuova clamorosa vulnerabilità di alcune note piattaforme di virtualizzazione, su cui si basano milioni di contratti di hosting VPS, server privati virtuali e hosting condivisi. Si tratta del Virtualized Environment Neglected Operations Manipulations (VENOM, in inglese veleno), che consente a chi lo sa sfruttare di prendere il controllo non solo della macchina virtuale affetta dal bug, ma anche di tutte quelle sullo stesso hypervisor. Per analogia, se con Heartbleed qualcuno aveva modo di entrare in casa vostra e prenderne possesso, ora con VENOM può prendere il controllo di casa vostra e di tutto il vicinato.

Continua a leggere